Corso

Corso cod. C6 | Strutture turistico – alberghiere e sicurezza antincendio

€ 250Register
Durata 8 Ore
Attestato no
Lezioni 0
Premessa ed Obiettivi

Premessa ed Obiettivi

Il Decreto Ministeriale 23 agosto 2016 ha sancito un cambiamento nella sicurezza antincendio delle strutture ricettive turistico – alberghiere, recependo di fatto standard tecnici internazionali innovativi basati più su approccio di tipo “prestazionale” e di Fire Safety Engineering (FSE).

Con i nuovi metodi di progettazione, se pur più elaborati dei precedenti, è ora possibile affrontare l’adeguamento normativo attraverso soluzioni e parametri ragionevolmente più percorribili rispetto al più tradizionale metodo “prescrittivo”.

Ciò ha comportato l’implementazione del Decreto del Ministro dell’interno 3 agosto 2015 (Codice di Prevenzione), precisamente nella sezione V «Regole tecniche verticali», dove è stato aggiunto il seguente capitolo «V.5 – Attività ricettive turistico – alberghiere», contenente le norme tecniche di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico – alberghiere.

Norme tecniche che di fatto si potranno applicare alle attività sia nuove che esistenti, in alternativa al D.M. 9 aprile 1994, D.M. 6 ottobre 2003 e D.M. 14 luglio 2015, quest’ultimo recante “Disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico – alberghiere con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50”.

ll corso si prefigura dunque come strumento formativo di raffronto tra il metodo “tradizionale” prescrittivo e quello prestazionale, in modo da evidenziarne la convenienza di un approccio rispetto ad un altro secondo diversi scenari.

Da questa premessa nasce l’obiettivo del corso, cioè quello di condurre la teoria della prevenzione incendi alla pratica, ovvero alla concretezza degli interventi da effettuarsi e all’uso delle metodologie più innovative ed avanzate per garantire un’adeguata protezione antincendio, soprattutto quando bisogna intervenire in contesti soggetti a vincoli storici e strutturali o più semplicemente caratterizzati dalla vetustà degli immobili.

Gli argomenti trattati spazieranno dalle novità introdotte dalle nuove norme tecniche con particolare attenzione a come queste possano ridurre l’interferenza con lo svolgimento dell’attività stessa e ridurre i costi di adeguamento, alla realizzazione innovativi sistemi di compartimentazione, all’installazione dei più recenti impianti antincendio in base agli ambienti da proteggere, compreso le caratteristiche dei materiali in funzione della loro classe di reazione al fuoco.

Silvestre Mistretta

Ingegnere, con diploma di laurea conseguita nel 1981 al Politecnico di Torino, inizia la carriera nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nel 1982, … leggi di più

  • Aggiornamento quinquennale di ASPP/RSPP ex art. 32 D.Lgs. 81/08 e Accordo Stato-Regioni del 07/07/2016 e s.m.i. (8 ore).
  • Aggiornamento quinquennale di RSPP/Datore di Lavoro ex art. 34 D.Lgs. 81/08 (8 ore).
  • Aggiornamento quinquennale di Coordinatore della Sicurezza (CSP/CSE) ex art. 98 D.Lgs. 81/08 (8 ore).
  • Aggiornamento dei Lavoratori, Preposti, Dirigenti, RLS ex art. 37 D.Lgs. 81/08 per i settori Ateco specifici.

Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione, Datori di Lavoro, Dirigenti, Preposti, Consulenti, Responsabili e Addetti alla manutenzione, Tecnici aziendali, Rappresentanti degli organi di vigilanza, Lavoratori, ecc.

  • Presentazione del corso.
  • Inquadramento normativo: (D.M. 09/04/1994, Decreto 03/08/2015, D.M. 09/08/2016,P.R. 151/2011, ecc.).
  • L’incendio e la prevenzione incendi nelle strutture ricettive turistico – alberghiere: rischi e danni per le persone, per i beni e per l’ambiente.
  • Analisi dei principali decreti prescrittivi: D.M. 09/04/1994, D.M. 6 ottobre 2003, ecc.
  • Il Codice di Prevenzione Incendi e Regola Tecnica Verticale “Capitolo «V.5 – Attività ricettive turistico – alberghiere»”:
  1. Profili di rischio.
  2. Strategia antincendio: Reazione al fuoco; Resistenza al fuoco; Compartimentazione; Esodo, Gestione della sicurezza antincendio; Controllo dell’incendio; Rivelazione ed allarme.
  3. Vani ascensori e le Opere da costruzione con numero di posti letto non superiore a 25.
  • Pro e contro tra approccio prestazionale e prescrittivo.
  • Iter procedurale ed autorizzativo per Attività n. 66 del D.P.R. 151/2011.
  • Analisi del progetto di conformità antincendio e sua attuazione.
  • La protezione antincendio passiva: muri e porte tagliafuoco, protezione degli attraversamenti, la scelta dei materiali da costruzione e di arredo, ecc.
  • La protezione antincendio attiva: impianti di estinzione degli incendi, impianti di rilevazione, segnalazione e allarme, evacuazione fumi, serrande tagliafuoco, ecc.
  • Analisi casi studio con rispettive soluzioni conformi ed alternative.
  • Confronto con i partecipanti e quesiti.

Gli attestati nominali saranno rilasciati a seguito della frequenza completa del corso (sono permesse assenze solo per il 10% del monte ore totale) e a seguito del superamento del test di verifica dell’apprendimento.

Gli attestati verranno inviati tramite posta elettronica certificata, previa verifica del pagamento della relativa quota.

  1. L’architetto Ivan Masciadri, con Studio IM-SERVIZITECNICI, è Sede Territoriale Milano 3 di A.I.F.E.S. – Associazione Italiana Formatori ed Esperti in Sicurezza sul Lavoro e possiede tutti i requisiti previsti per poter operare in qualità di formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
  2. Per il continuo aggiornamento e miglioramento del servizio formativo, ci si riserva il diritto di modificare senza preavviso i contenuti e la presentazione delle docenze e delle relative dispense.
  3. Corso erogato in Aula.