Corso

Corso cod. C23 | La Sicurezza sul Lavoro e le Responsabilità nel comparto sanitario: Datori di Lavoro, RSPP, Dirigenti, Preposti e Lavoratori

€ 190Register
Durata 6 Ore
Attestato no
Lezioni 0
Premessa ed Obiettivi

Premessa ed Obiettivi

Le strutture sanitarie in genere, come Ospedali, Cliniche ed Istituti di Ricovero e Cura, ma anche case di riposo per anziani (oggi RSA – Residenze Sanitarie Assistenziali), sono luoghi di lavoro piuttosto eterogenei, caratterizzati quasi sempre da aree specifiche e complesse sia per la “natura” dei pazienti, sia per la tipologia dei trattamenti e dei protocolli medici: vedi il Pronto Soccorso, i Dipartimenti di Emergenza ed Urgenza, Day Hospital, Day Surgery, Degenze, Laboratori di Ricerca e Analisi, Diagnostica per Immagini, Reparti di Igiene Mentale e Psichiatrici, Reparti Alzheimer, Ambulatori, Stroke Unit, ecc.).

A questo si aggiungono le problematiche strutturali ed impiantistiche, la gestione dei farmaci, gli approvvigionamenti e le forniture, i cantieri e gli interventi di ristrutturazione, ecc.

Tutti questi aspetti che vanno ad incidere sulle caratteristiche organizzative, strumentali ed infrastrutturali, impongono al Datore di Lavoro in primis un’attenta e rigorosa Valutazione de Rischi in funzione anche delle inevitabili interferenze che si creano tra ambienti, persone e lavorazioni.

In queste realtà esiste l’organigramma aziendale con al vertice il Datore di Lavoro, in origine il CdA (Consiglio di Amministrazione) che individua di solito l’AD (Amministratore Delegato) nel privato oppure il Direttore Generale nel pubblico, con l’RSPP in staff e poi le figure dirigenziali/apicali con delega e “portafoglio (vedi RSPP, Direttore Sanitario, Direttore Amministrativo, Direttore Sociale, Direttore Tecnico, ecc.).

Vi sono poi le ulteriori figure dei Dirigenti per la Sicurezza, identificabili per esempio nei Direttori di Dipartimento o nei Medici Primari di reparto ed infine i Preposti che spesso vengono identificati nel personale di capo area, capo reparto infermieristico, responsabili di laboratorio o responsabili di sala, ecc.

La consapevolezza del corretto funzionamento di questo organigramma è fondamentale per realizzare la massima sicurezza organizzativa, tecnica e procedurale obbligatoria per legge (art. 2087 c.c. e D.Lgs. n. 81/2008 artt. 15. e 28 comma 2 lett. d) ed evitare la responsabilità d’impresa nelle strutture private (D.Lgs. n. 231/2001).

Il corso propone tutti gli elementi utili a rafforzare l’organizzazione aziendale in materia di sicurezza e igiene del lavoro somministrando anche concrete indicazioni procedurali per elaborare o migliorare deleghe, Linee Guida, procedure, istruzioni operative su compiti e responsabilità delle diverse figure sopra citate, ognuna delle quali soggette ad obblighi e doveri in capo al D.Lgs. 81/08 e decisive per mantenere efficiente il sistema aziendale di gestione della sicurezza sul lavoro.

Lo svolgimento dei compiti di ognuno deve tener conto di alcune regole basilari:

  • il rispetto della legislazione vigente;
  • la consapevolezza delle proprie competenze e capacità;
  • il contributo all’analisi dei rischi secondo le procedure sistematiche aziendali;
  • il ricorso ad esperti esterni per l’individuazione e la valutazione dei rischi specifici;
  • il coinvolgimento dei lavoratori e dei loro rappresentanti;
  • il ricorso all’informazione ed alla formazione di tutti i soggetti, quale strumento per l’acquisizione della cultura della sicurezza e specifiche competenze preventive e protettive.

In particolare nelle strutture ospedaliere è fondamentale:

  • una chiara distinzione tra i compiti e gli ambiti di competenza del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Direttore Sanitario e il Medico Competente;
  • una chiara individuazione dei dirigenti e dei preposti in tutte le aree, anche quelle comuni (atri, corridoi, sale d’attesa, scale, ingressi, giardini, parcheggi);
  • l’istituzionalizzazione di regole precise per utenti e visitatori, collaboratori e  specializzandi,  consulenti e  fornitori.

Verranno approfonditi esempi concreti mutuati da strutture pubbliche e private esistenti e operanti al più alto livello organizzativo.

Il focus sarà l’eccellenza organizzativa e procedurale in ambito sanitario.

paolo_varesiPaolo Varesi

Dottore in Scienze Politiche dell’Amministrazione, Sostituto Commissario della Polizia di Stato e docente di Diritto Penale e Leggi di pubblica sicurezza … leggi di più

 

rolando_dubiniRolando Dubini

Avvocato iscritto all’Ordine degli Avvocati di Milano n. 9685 dal 10 maggio 1990, patrocinante in Cassazione. Svolge attività giudiziale, stragiudiziale, di consulenza legale … leggi di più

  • Aggiornamento quinquennale di ASPP/RSPP ex art. 32 D.Lgs. 81/08 e Accordo Stato-Regioni del 07/07/2016 e s.m.i. (6 ore).
  • Aggiornamento quinquennale di RSPP/Datore di Lavoro ex art. 34 D.Lgs. 81/08 (6 ore).
  • Aggiornamento quinquennale di Coordinatore della Sicurezza (CSP/CSE) ex art. 98 D.Lgs. 81/08 (6 ore).
  • Aggiornamento dei Lavoratori, Preposti, Dirigenti, RLS ex art. 37 D.Lgs.81/08 per tutti i settori Ateco ed in particolare per il settore sanitario.

Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione, Datori di Lavoro, Dirigenti, Preposti, Consulenti, Rappresentanti degli organi di vigilanza, Lavoratori, ecc. In particolare per tutti le figure e lavoratori del settore sanitario in genere, ma anche per tutte le aziende, imprese e/o fornitori interessanti da rischi interferenziali.

Parte I

  • Presentazione del corso.
  • Gli orientamenti della Cassazione in materia di Valutazione di tutti i rischi e responsabilità dei soggetti obbligati dal dovere di sicurezza (Datore di Lavoro, Dirigente, Preposto, Medico Competente e Lavoratore).
  • La formazione quale principale misura di prevenzione: soggetti obbligati, contenuti e modalità di erogazione.
  • Figura e responsabilità del Formatore ex D.I. 6 Marzo 2013 e ASR 07/07/2016.
  • Responsabilità del Servizio di Prevenzione e Protezione in caso di evento incidentale.
  • La figura del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) da mero consulente a professionista della valutazione.
  • Doveri e responsabilità del Lavoratore.
  • Concetto di comportamento abnorme e conseguenze giuridiche.
  • Obblighi connessi ai contratti d’appalto o di somministrazione.
  • Sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi.
  • Il concetto di responsabilità nella normativa penale.
  • Il difetto di organizzazione.
  • L’esercizio di fatto dei poteri direttivi ex art. 299 D.Lgs. 81/2008.
  • La colpa e il nesso di causalità.
  • I reati omissivi.
  • Il risarcimento del danno.

Parte II

  • Cenni al Modello Organizzativo 231/2001.
  • La Delega di Funzione ai sensi art. 16 D.Lgs. 81/08.
  • L’organizzazione aziendale e apicale del settore sanitario: Direttore Sanitario; Direttore Operativo, Direttore Sociale; Direttore Amministrativo; Direttore Scientifico; Direttore Didattico e/o Responsabile della Formazione; Responsabili di Unità Operative con competenze relative al sistema prevenzione; Responsabile del Servizio Tecnico e Patrimoniale; Responsabile Tecnico della Sicurezza Antincendio ai sensi del Decreto 19 Marzo 2015; Direttore del Servizio Provveditorato e/o del Servizio Economale; Direttore del Personale; Responsabili delle Unità Operative e Dipartimentali proprie del settore sanitario; Responsabile Ufficio Legale/Giuridico; Responsabile/ Coordinatore dell’Emergenza; Comitato Prevenzione Rischi.
  • Aggiornamento Giurisprudenziale sulle figure della sicurezza nel settore sanitario: le responsabilità penali del datore di lavoro, dei primari, del personale infermieristico, del RSPP.
  • I contratti d’appalto per forniture e servizi nel settore sanitario (vedi ad esempio Cooperative e lavoro a somministrazione).
  • Esempio di regolamento aziendale della sicurezza e salute dei lavoratori.
  • L’importanza dell’attività di audit.

Parte III

  • Analisi sentenze e casi giudiziari.
  • Confronto con i partecipanti in merito alle loro problematiche aziendali.

Gli attestati nominali saranno rilasciati a seguito della frequenza completa del corso (non sono permesse assenze anche se parziali sul monte ore totale) e a seguito del superamento del test di verifica dell’apprendimento.

  1. L’architetto Ivan Masciadri, con Studio IM-SERVIZITECNICI, è Sede Territoriale Milano 3 di A.I.F.E.S. – Associazione Italiana Formatori ed Esperti in Sicurezza sul Lavoro e possiede tutti i requisiti previsti per poter operare in qualità di formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
  2. Per il continuo aggiornamento e miglioramento del servizio formativo, ci si riserva il diritto di modificare senza preavviso i contenuti e la presentazione delle docenze e delle relative dispense.
  3. Corso erogato in Aula.